Header Ads

ALITOSI

Alitosi
L'alitosi è l'emissione di aria maleodorante con il respiro o con la fonazione, ed è una condizione molto frequente. Sfortunatamente la persona che ha l'alito cattivo è l’ultima a saperlo. Chi ha il sospetto di soffrire di questo disturbo, può chiederne conferma ad un amico, al partner, o meglio al proprio igienista dentale o dentista. In alternativa, si può fare da soli un semplice test: mettere le mani a coppa davanti alla bocca ed espirare profondamente, poi inalare attraverso il naso il proprio respiro, e avvertire se vi è cattivo odore. Le cause dell’ alitosi “permanente” possono essere di vario genere:

  • conseguenze di problemi di natura gastro-intestinale: a volte il malfunzionamento del cardias, la valvola che collega l'esofago allo stomaco, provoca il reflusso gastro esofageo;
  • problemi respiratori: il caso di ascessi polmonari, sinusiti, faringite streptococcica, riniti allergiche, ipertrofia dei turbinati nasali cambiamenti ormonali (pubertà, menopausa, ciclo mestruale);
  • disordine metabolico: fetor hepaticus, uremia ecc.

Ci sono poi situazioni temporanee, dovuti a particolari stili di vita (fumo, alcool, stress), o l’assunzione di alcuni farmaci (antibiotici, antidepressivi, corticosteroidi) che causano secchezza della bocca associata a ridotta secrezione salivare o anche a interventi chirurgici come la xerostomia (eliminazione delle ghiandole salivari) o terapie radianti a livello del cavo orale o orofaringeo.

Anche il digiuno causa l’ alitosi, ma più frequentemente, (parliamo del 90% dei casi) la patologia dipende dal cavo orale: cattiva igiene, carie, protesi, ricostruzioni dentali mal eseguite o fratturate, gengiviti e parodontiti (che sono i maggiori responsabili), placca sulla lingua che si presenta con una patina bianca ed è la parte dove vi è maggiore presenza dei batteri responsabili dell’alito cattivo.

“Recenti studi hanno dimostrato una correlazione tra la presenza di batteri, malattia parodontale e la placca bianca che ricopre la lingua”.

Se dopo un buon uso dello spazzolino, con lo spazzolamento della lingua, il problema persiste, bisogna consultare un dentista con esperienza in parodontologia o l’igienista dentale. Sono queste due, le figure professionali più qualificate a diagnosticare (con l'ausilio di apparecchi specifici) eventuali patologie orali ed a trattare tra queste ultime, risolvendo, nella maggior parte dei casi, il problema.



Nessun commento

Powered by Blogger.